Europa

It is the community of individual European citizens that unites!

Per EurOpinion, l'Europa unita non è una questione politica o certamente non solo. Piuttosto che politico, riteniamo che un'Europa unita sia una questione umana, una comunità di cittadini, di persone in tutte le loro diversità che convivono all'interno di questa costruzione politica ora chiamata UE. Ogni singola persona, cittadino, essere umano, è l'elemento più piccolo di un insieme che collettivamente costituisce la nostra Europa unita (ovviamente estensibile al resto del mondo, ma per ragioni pratiche solo per i paesi dell'UE per ora).

Alla pagina completa >>>

Cosa vuoi TU dell'Unione Europea?

PLAY VIDEO ►►► UE: Uguale! - Cambio! - Fuori!

Il parere degli europei sull'Unione europea, come essiste e funziona adesso, è diviso. Fondamentalmente ci sono tre punti di vista: andare avanti uguale, cambiare o abbandonare.
A prima vista, quale affermazione riflette meglio la tua posizione in questo momento?

Alla pagina completa >>>

Europa: Unione o Comunità?

PLAY VIDEO ►►► Europa: union or community

Il termine "Unione Europea" è entrato in vigore con il trattato di Maastricht nel 1992. Prima di ciò, il nome comunemente usato era la "Comunità Europea". C'è una differenza

Ti piace l'idea di vivere in una "Unione" o preferiresti la precedente idea di una "Comunità"? Quali associazioni hai con questi due termini?

Alla pagina completa >>>
PLAY VIDEO ►►► Europa: union or community

Il termine "Unione Europea" è entrato in vigore con il trattato di Maastricht nel 1992. Prima di ciò, il nome comunemente usato era la "Comunità Europea". C'è una differenza

Ti piace l'idea di vivere in una "Unione" o preferiresti la precedente idea di una "Comunità"? Quali associazioni hai con questi due termini?

Alla pagina completa >>>

Alcune prime semplici domande rivolte alla persona europea individuale

Per EurOpinion ogni singola persona è un elemento fondamentale, che è tanto importante quanto il tutto. Quindi pensiamo che sia interessante, necesario e, in effetti, utile sapere come siamo individualmente. Probabilmente questo darà una maggiore comprensione di Europa nel suo insieme e forse anche di noi stessi. Più avanti EurOpinion pensa di entrare in questioni più profondi e significativi, ma iniziamo con alcune semplici domande.

Alla pagina completa >>>

Conosci l'Europa, come comunità di persone?

PLAY VIDEO ►►► europa-comunidad
 
1 Start 2 Complete

Paesi UE pieni: frontiere aperte (Schengen) e dentro dell'Euro

Paesi dell'UE: frontiere aperte (Schengen) ma non all'interno dell'euro.

Paesi dell'UE: confini chiusi (Schengen) ma all'interno dell'euro

Paesi dell'UE: frontieri chiusi (Schengen) e non dentro dell' Euro.

Paesi che hanno scelto di uscire l'UE.

Una cosa è l'UE come entità politica, che ti può piacere più o meno o non piacere per niente.

Ma che ne dici in un senso non-politico, senno Europa come una comunità? Nostro piccolo continente gode una ricca diversità di gente, di culture e di lingue. Quanto bene conosci la comunità di persone all'interno di questa unione politica in cui vivi?

Per cominciare, quanta interazione hai con altri europei nella tua vita quotidiana?

  • Quali dei 28 paesi hai mai visitato?
  • Hai mai vissuto, lavorato e/o studiato in qualcuno di loro? (diciamo, un anno o di più)
  • Dalla nostra ricca offerta di lingue, quale parli?
  • E, anche importante, da quali paesi hai amici o forse anche (avuto) un amore?

Può sembrare una lunga lista, ma puoi saltare il tuo proprio paese e quelli che non centranno per te.
(i paesi sono divisi in blocchi di
decrescente impegno UE (frontiere aperte e uso del Euro), quindi ordinato per anno di entrata e finalmente in ordine alfabetico - fonte 1, fonte 2)

Alla pagina completa >>>

Capisci l'Unione Europea?

PLAY VIDEO ►►► How does the EU work?

In teoria, l'Unione europea è un'entità che esiste per il bene dei suoi abitanti. Pertanto, sembra ovvio che, per cominciare, gli abitanti dell'UE dovrebbero effettivamente capirlo bene: sapere come funziona, quali vantaggi offre ai cittadini o come possono partecipare attivamente per migliorarlo, tra l'altro.

Quanto ti senti di capire l'Unione europea?
Ci sono alcuni argomenti sui giornali e su tv-news su cui riceviamo informazioni tutti giorni. Come valuti la loro importanza e in confronto, delle informazioni sull'UE (notizie o come funziona), se ci fossero?

Alla pagina completa >>>

Le scuole aiutano i nostri figli a trovare la loro passione?

PLAY VIDEO ►►► Educare per passione
Alla pagina completa >>>

La Scozia indipendente dopo BREXIT?

PLAY VIDEO ►►► La Scozia indipendente dopo BREXIT?

Nel 2014, la Scozia ha tenuto un referendum nazionale. Agli elettori è stato chiesto: "La Scozia dovrebbe essere un paese indipendente?" Il 45% degli elettori ha risposto si e il 55% ha risposto no, con una partecipazione dell'85%. (wikipedia EN).

La ragione principale di molti votanti del no era il fatto che volevano che la Scozia rimanesse nell'UE. Ora che la Brexit porterà la Scozia fuori dall'UE, è molto probabile che ci sarà un nuovo referendum scozzese.

Alla pagina completa >>>

Il Sogno Europeo?

PLAY VIDEO ►►► European Dreaming

Fino a qualche decennio fa, la stragrande maggioranza dei cittadini europei condivideva un sogno comune, un Sogno Europeo.

In origine era un sogno di pace, la ragione fondamentale per cui alcuni paesi europei decisero di unirsi. Partivano dalla collaborazione industriale ed economica sotto la filosofia che i paesi che lavorano insieme non fanno guerra. Questa ragione originale era potente, facile da capire per tutti, condivisa da cima a fondo e funzionava. I paesi uniti hanno conosciuto il più lungo periodo di pace in Europa dai tempi dei romani (Pax Romana), di più di 70 anni.

Nel corso del tempo la pace è stata data per scontata e la collaborazione economica è diventata l'obiettivo principale, mentre per un periodo c'era anche spazio per la crescita di servizi pubblici e sociali. Per la maggior parte delle persone nella comunità il sogno procedeva come una combinazione di prosperità, valori umani e ideali.

Tuttavia, da alcuni decenni, questi servizi pubblici e sociali sono stati gradualmente ridotti, privatizati o addirittura scomparsi, mentre l'industria e l'economia sono diventati totalmente dominanti fino al punto in cui ora l'Unione Europea ed i suoi cittadini sembrano essere visti e tratati fondamentalmente come nient'altro che un "mercato". Questo sviluppo sembra aver portato, altretanto gradualmente, al oblio dei valori e degli ideali umani e, con esso, la perdita del Sogno europeo. Oggi molti cittadini sono critici nei confronti dell'UE o addirittura scettici e vogliono andarsene. L'Unione europea, così com'è attualmente, non sembra più coprire alcun sogno, almeno non quello dei suoi cittadini.

La uscita dei paesi dall'UE, è un pericolo per il sogno originale di pace? Pensi che il Sogno Europeo dovrebbe riprendersi?

Alla pagina completa >>>

Un nuovo sguardo a Europa?

PLAY VIDEO ►►► A fresh look at Europa

Quando sembrava possibile dare per scontata la pace in Europa, l'attenzione si è sempre più concentrata sull'industria e sull'economia, come un passo successivo nel Sogno Europeo: la prosperità. In una certa misura ciò è stato raggiunto, ma sembra che sia andato fuori controllo Da un mezzo al servizio della prosperità per i cittadini, l'economia (in realtà i "mercati finanziari") sembra essere diventata l' obiettivo e persino dominante. L'equilibrio si è spostato completamente alla mera massimizzazione degli utili per le banche e le grandi aziende. L'austerità è stata gettata sulla popolazione, mentre le multinazionali hanno godito di benefici fiscali sempre maggiori, molte delle quali hanno persino attraversato i confini legali. Da decenni, il divario tra ricchi e poveri è cresciuto di nuovo.

Tuttavia, questo non è un problema europeo, è un problema globale. In questo scenario, Europa è ancora la regione più prospera del mondo, con il più piccolo divario tra ricchi e poveri, sebbene molte persone, comprensibilmente, non saranno in grado di crederci. Al momento, l'Europa è ancora la regione con la più alta percezione di libertà, giustizia e altri valori umani nel mondo. Valori che la maggior parte dei cittadini ha considerato il passo conclusivo del sogno europeo, ma che non è stato raggiunto. La domanda è se i cittadini debbano continuare ad accettare tale dominio economico.

Inoltre, sono emerse nuove importanti minacce che hanno anche portata globale, ma dove Europa può giocare un ruolo di primo piano, con il cambiamento climatico come l'esempio più chiaro. Altri argomenti sono, tra gli altri, la libertà di espressione, l'uguaglianza di genere, la economía senza fini di lucro, circolare esostenibile e l'abolizione del segreto bancario come anche la educazione e l'assistenza medica. Rafforzare questi tipi di valori umani e sociali sí ha un effetto positivo, profondo e duraturo sulla società nel suo complesso, non le eterne battaglie per la superiorità economica, politica o militare. Molto probabilmente l'Europa è la regione al mondo in cui possono prosperare al meglio.

Forse è ora di dare un nuovo sguardo a Europa?

Alla pagina completa >>>

BREXIT meglio per l'Europa?

PLAY VIDEO ►►► BREXIT meglio per l'Europa?

In un articolo di prima del referendum Paul Degrauwe conclude che non è nell'interesse dell'UE mantenere un paese nell'unione che continuerà ad essere ostile alla "Acquis comunitario" e che seguirà una strategia per indebolirla ulteriormente.

Ora è stato raggiunto un accordo di 585 pagine, anche se deve ancora essere approvato dai parlamenti europeo e britannico.

In entrambi i casi, nessuno sembra mai aver chiesto cosa ne pensano i cittadini europei.
Condividi anche tu la tua opinione e scopriamo cosa pensa l'Europa nel suo complesso.

Alla pagina completa >>>

Il potenziale dell'Europa?

PLAY VIDEO ►►► The European Tree carries many different types of fruit

Il nostro mondo sta affrontando molti problemi fondamentali che superano la capacità dei singoli paesi di risolverli. Se non affrontiamo molto rapidamente questi problemi in uno sforzo umano collettivo su larga scala, la società globale o persino il pianeta stesso potrebbero non arrivare alla fine di questo secolo, almeno non in modo sano. Infatti, una parte considerevole della popolazione umana e animale, e porzioni inquietanti della Terra hanno già raggiunto quel punto e non fanno altro che combattere per la loro semplice sopravvivenza. La situazione sta diventando sempre più instabile e insostenibile.

Sfortunatamente, la maggior parte della gente è così impegnata con semplicemente seguire il trambusto della vita quotidiana che non trova nemmeno il tempo o l'energia per pensarci, tanto meno per agire. Altri preferiscono evitare di preoccuparsi e scelgono di farsi distrarre. E poi c'è un piccolo ma privilegiato numero di persone che si beneficiano di tutto questo e hanno il potere sia di tenere così occupate le altre persone, che distrarli e persino mantenerli in quello stato spiacevole di pura sopravvivenza.

Fortunatamente, piccoli ma crescenti gruppi in tutto il mondo si stanno svegliando fronte a questa realtà. Ogni gruppo lo affronta da una delle varie prospettive, sia il clima, la ecologia, la evoluzione, un approccio umanitario o sociale, la psicologia, la educazione, la salute e nutrizione, la scienza, l'arte, lo sport, la giustizia e persino la politica, la legge, gli affari o la economia.

 

La storia colorata di Europa è piena di persone provenienti da contesti culturali molto diversi che hanno contribuito alla società globale con ispirazioni geniali e costruttive: da Galilei e Newton a Tesla, Einstein o Bohr; da Dante o Cervantes a Voltaire e Kafka; da van Gogh e Mozart a Picasso e Freddy Mercury.
Proprio nella diversità dell'Europa sta la sua ricchezza, forza e potenziale. Offre una base molto più ampia e ricca per la creatività e l'ispirazione di quanto sia possibile in una società omogenea in cui tutti mangiano lo stesso cibo, hanno le stesse tradizioni e parlano la stessa lingua. Europa è un vecchio albero con radici forti che porta molti frutti diversi e talvolta inaspettati.

Essendo il territorio del mondo con il più alto grado di libertà e giustizia, è proprio in Europa dove questi gruppi spuntano e crescono più facilmente. Allo stesso tempo, abbiamo anche risorse essenziali sufficienti, come il capitale e la conoscenza. Ciò rende l'Europa il luogo per eccellenza, forse l'unico, con un potenziale sufficiente per liberare il cambiamento di cui che il mondo ha bisogno ORA per raggiungere sano il 22° secolo.

Ma può capitare solo in un'Europa veramente unita! Non esattamente nell'attuale UE, che in sostanza è solo un'unione politica, monetaria e di mercato in cui i rappresentanti di ogni paese stanno ancora defendendo gli interessi della sua nazione, ma nell'Europa unita da cittadini coscienziosi, in un senso umanitario, sociale, etico e con vero spirito di "unione", di convivenza e condivisione. In effetti, una comunità.

Il potenziale dell'Europa... gli europei stessi?

Alla pagina completa >>>

Una Europa migliore per un Mondo migliore?

PLAY VIDEO ►►► Better Europa and World
 
1 Start 2 Complete

L'Europa ha un passato vergognosamente violento e selvaggio. All'interno del nostro territorio, abbiamo praticamente sempre avuto una o più guerre, tranne durante la Pax Romana, circa 2000 anni fa. Come se non bastasse, abbiamo anche invaso ed occupato tutto o parte degli altri quattro continenti per secoli sotto il colonialismo e l'imperialismo, dopo che Colombo ci ha mostrato che il mondo era rotondo invece di piano, come sempre ci avevano detto.

Solo dopo due guerre mondiali, entrambe iniziate in Europa tra l'altro, sembra che abbiamo capito che condurre una guerra non genera una società sana o felice. Il progetto europeo è nato con l'intenzione iniziale di non avere guerra mai più. E ha funzionato per i membri della Comunità Europea, successivamente ribattezzata Unione Europea. La forma più tangibile, e realmente anche la più facile, da mantenere la pace per oltre 70 anni è stata la cooperazione economica, ma, implicitamente, il Sogno Europeo racchiudeva anche una promessa molto con profondità: la della libertà, la giustizia, la uguaglianza e della onestà e trasparenza politica.

Negli ultimi decenni, il progetto è entrato in crisi essenzialmente per ragioni politiche ed economiche. Questo dovrebbe significare la fine del Sogno Europeo? Certo che no, significa solo che deve tornare sulla strada giusta. Da una pace interna basata sulla libertà vera, la giustizia vera, la uguaglianza vera, l'onestà e la trasparenza politica vera, e l'attenzione focalizzata sui cittadini, piuttosto che le multinazionali, la prosperità è creata da solo e la pace è mantenuta senza cosi tanta alta politica o economia. Se per qualche motivo il progetto europeo è entrato in crisi, è proprio per esso, non per i suoi cittadini ne per i valori umani.

L'Europa ha nei suoi cittadini la capacità di superare queste crisi e quando lo fa, di liberare il potenziale di essere un modello a seguire in altri parti del mondo, anche se ogni territorio lo faccia a modo suo. Proprio la ricca diversità di culture, lingue, storia, in ultima analisi, le persone di nostro piccolo continente è una fonte inesauribile di ispirazione per convivere in armonia, di creatività per raggiungerlo e di volontà di mantenerlo, forgiata nel corso dei secoli.

Come diceva sempre Jean Monnet: "L'Europa non significa integrare gli stati, significa unire a la gente".

In realtà, è un messaggio di importanza globale. Se i popoli d'Europa, con il passato salvaggio e violento che abbiamo, si mostrano capaci di unirsi in modo pacifico e armonioso dal basso verso l'alto, quindi, in contrasto con il passato, avremo passato il messaggio chiaro e positivo, che può essere ottenuta anche nel resto del mondo. Questo sarebbe un quarto e davvero ultimo passo del Sogno Europeo, che, in realtà, è Globale.

 

Alla pagina completa >>>

Europa dovrebbe adottare il sistema di istruzione della Finlandia?

PLAY VIDEO ►►► They should have more time to be kids

La Finlandia è spesso indicata come il paese con il sistema educativo più alternativo e libero in Europa con i punteggi più alti per lingua, matematica e scienze nei test PISA internazionali triannuali per studenti di 15 anni (un programma OCSE). Senza l'intero circo di test nazionali, finanziamenti extra per la "migliore" scuola o competizione tra scuole (private), hanno saputo arrivarci.

Le scuole non hanno la missione di produrre i migliori alunni, ma sono più preoccupati di come gli alunni e le scuole possono lavorare insieme per creare le migliori opportunità educative per tutti. In Finlandia l'educazione è collaborativa e inclusiva.

Anche se sembra che i risultati della Finlandia sono scesi un po' nelle classifiche, ci sono ancora elementi del loro sistema che potrebbero essere utili in una ipotetica riprogettazione dell'educazione per il XXI secolo, come fortemente raccomanda Sir Ken Robinson nel suo "Le scuole uccidono a la creatività?".

Alla pagina completa >>>

Annose questioni di legalizzazione UE: aborto, eutanasia, matrimonio gay, cannabis, prostituzione.

Ci sono varie questioni di legalizzazione che si trascinano da tempo, provocando discussioni pubbliche e proteste, pro o contro, nei diversi paesi Europei, fondamentalmente sul fatto di essere o meno moralmente accettabili.
Qual' è il tuo punto di vista? Pensi che dovrebbero essere decise a livello europeo o a livello di singoli paesi?

Condividi anche la tua opinione e vediamo cosa ne pensa l'Europa nel suo complesso.

Alla pagina completa >>>

L'attuale modello UE, obsoleto?

Un nuovo modelo per l'Europa!
Alla pagina completa >>>

Un altro livello di pensiero?

Un altro livello di pensiero
Alla pagina completa >>>

SII il cambiamento!

SII il cambio!

SII il cambiamento che vuoi vedere avvenire in Europa!

Alla pagina completa >>>

Puo l'opinione della gente dare forma al potenziale di Europa?

Può l'opinione della gente dare forma al potenziale di Europa?
Alla pagina completa >>>

Le domande per categoria

Essenza

Amare l'Europa♥?

l'Europa della gente

l'Europa della politica

La natura in primo luogo?

Libertà di parola?

Parità di genere?

Abbandonare il lucro?

Abolire segreto bancario?

Educazione

Scienza

A proposito di