Una Europa migliore per un Mondo migliore?

Primary tabs

Scope: 
Type: 
Better Europa and World

L'Europa ha un passato vergognosamente violento e selvaggio. All'interno del nostro territorio, abbiamo praticamente sempre avuto una o più guerre, tranne durante la Pax Romana, circa 2000 anni fa. Come se non bastasse, abbiamo anche invaso ed occupato tutto o parte degli altri quattro continenti per secoli sotto il colonialismo e l'imperialismo, dopo che Colombo ci ha mostrato che il mondo era rotondo invece di piano, come sempre ci avevano detto.

Solo dopo due guerre mondiali, entrambe iniziate in Europa tra l'altro, sembra che abbiamo capito che condurre una guerra non genera una società sana o felice. Il progetto europeo è nato con l'intenzione iniziale di non avere guerra mai più. E ha funzionato per i membri della Comunità Europea, successivamente ribattezzata Unione Europea. La forma più tangibile, e realmente anche la più facile, da mantenere la pace per oltre 70 anni è stata la cooperazione economica, ma, implicitamente, il Sogno Europeo racchiudeva anche una promessa molto con profondità: la della libertà, la giustizia, la uguaglianza e della onestà e trasparenza politica.

Negli ultimi decenni, il progetto è entrato in crisi essenzialmente per ragioni politiche ed economiche. Questo dovrebbe significare la fine del Sogno Europeo? Certo che no, significa solo che deve tornare sulla strada giusta. Da una pace interna basata sulla libertà vera, la giustizia vera, la uguaglianza vera, l'onestà e la trasparenza politica vera, e l'attenzione focalizzata sui cittadini, piuttosto che le multinazionali, la prosperità è creata da solo e la pace è mantenuta senza cosi tanta alta politica o economia. Se per qualche motivo il progetto europeo è entrato in crisi, è proprio per esso, non per i suoi cittadini ne per i valori umani.

L'Europa ha nei suoi cittadini la capacità di superare queste crisi e quando lo fa, di liberare il potenziale di essere un modello a seguire in altri parti del mondo, anche se ogni territorio lo faccia a modo suo. Proprio la ricca diversità di culture, lingue, storia, in ultima analisi, le persone di nostro piccolo continente è una fonte inesauribile di ispirazione per convivere in armonia, di creatività per raggiungerlo e di volontà di mantenerlo, forgiata nel corso dei secoli.

Come diceva sempre Jean Monnet: "L'Europa non significa integrare gli stati, significa unire a la gente".

In realtà, è un messaggio di importanza globale. Se i popoli d'Europa, con il passato salvaggio e violento che abbiamo, si mostrano capaci di unirsi in modo pacifico e armonioso dal basso verso l'alto, quindi, in contrasto con il passato, avremo passato il messaggio chiaro e positivo, che può essere ottenuta anche nel resto del mondo. Questo sarebbe un quarto e davvero ultimo passo del Sogno Europeo, che, in realtà, è Globale.

 

 
1 Start 2 Complete

Le domande per categoria

Essenza

Amare l'Europa♥?

l'Europa della gente

l'Europa della politica

La natura prima di tutto?

Libertà di parola?

Parità di genere?

Abbandonare il lucro?

Abolire segreto bancario?

Educazione

Scienza

A proposito di